Skip to content
Annunci

Il mesotelioma, killer silenzioso dei minatori

Il mesotelioma

Buona sera cari lettori , come promesso a voi l’articolo sul mesotelioma, spero vi piaccia, che sia di vostro gradimento ed interesse.

Il mesotelioma é una gravissima neoplasia maligna, che una volta diffusa, garantisce una vita media di dodici mesi circa, che può prolungarsi fino a ventiquattro se ci si sottopone ad intervento chirurgico o chemioterapia.

L’etiologia di tale patologia é riscontrabile in una ripetuta esposizione all’absesto, o ad una suona variante, detta CROCIDOLITE, che a causa dell’inalazione delle loro fibre tossiche, comportano una mutazione maligna delle cellule mesoteliali totipotenti Tale patologia si riscontra prevalentemente in soggetti di sesso maschile, di circa sessant’anni.

Ovviamente tale neoplasia veniva sviluppata prevalentemente da quei soggetti che per motivi lavorativi, erano sempre esposti all’inalazione di queste fibre minerarie, perché svolgevano lavori in miniera.

Dal 1992 è stato reso illegale la produzione e la lavorazione dell’absesto, o amianto (piccola parentesi: l’amianto o absesto è un insieme di minerali che appartengono a due gruppi, a quello dei fillosicati ed a quello degli inosilicati)

Anatomia patologica:

Possiamo descrivere tre tipologie istologiche di mesotelioma

Epitelioide: la forma più comune delle tre tipologie. Possiede microvilli lunghi e sinuosi. A livello macroscopico si presenta come una struttura nodulare o multi nodulare (più frequente rispetto quella mononodulare); mentre a livello macroscopico presenta strutture acinose e papillari. Si colora mediante ematossilina-eosina, prendendo una colorazione di tipo bianco-grigio. Segni che caratterizza questa forma istologica é il versamento pleurico

Sarcomatoide: Tale tipologia di mesotelioma é caratterizzata da una composizione cellulare di forma fusata, con struttura nodulare e presenza di un numero inferiore di ispessimenti rispetto alla tipologia pretendete. Manifesta positività a sostanze come cheratina e vimentina.

Segni che la caratterizzano sono: emorragia, necrosi ed un numero minore di alterazioni citologiche a differenza delle altre due tipologie.

Bifasico: forma intermedia tra le due descritte precedentemente, con cellule di forma fusata e tondeggiante.

Diagnosi:

Strumentale:

1. TAC: tecnica di maggiore precisione, che permettere di evidenziare eventuali ispessimenti, e presenza di cotenne pleuriche

2. RX: meno precisa, ma importante per evidenziare la presenza di versamento pleurico

Citologico: mediante l’ausilio di diversi biomarcatori, a cui saranno affini le cellule che riguardano il mesotelioma (sono solitamente cellule mesoteliali totipotenti). Tra i marcatori principali avremo:

1. CEA

2. Claudina-4

3. Cheratina 5 e 6

4. Trombomodulina

5. WT1

6. Calretinina

7. Gene P16 che assumerà una conformazione anomala a causa della neoplasia.

Differenziale:

In generale quando si parla di diagnosi differenziale, si intende il comparare tra loro segni e sintomi di patologie similari, in modo tale da escludere quelle simili ed arrivare alla patologia corretta, in modo da poter intraprendere un corretto trattamento.

Il mesotelioma di solito si paragona con l’adenoma e con l’iperplasia del mesotelio.

Si differenzia dal primo innanzitutto per i diversi biomarcatori che manifestano affinità con le cellule che li compongono, e poi perché a livelli microscopico, le cellule del mesotelioma presentano microvilli lunghi e sinuosi, a differenza di quelli corti e rigidi dell’adenoma.

La differenza col secondo risiede nella natura prettamente infiammatoria dell’iperplasia, che a differenza del mesotelioma, in particolare epitelioide, si manifesta con necrosi ed invasione dei tessuti profondi.

Trattamento:

Medico: Il medico che prescrive farmaci per chemioterapia, o immunoterapia, lo può fare sia a scopi curativi, che palliativi (ossia per attenuare il dolore). Tra i chemioterapici principali che vengono somministrati abbiamo:

1. Doxocherubina

2. Cisplatino

3. Pemetrexed+Cisplatino+B12 che é fino ad ora la combinazione di chemioterapici più efficaci, aventi la capacità di rallentare di qualche mese lo sviluppo della neoplasia, allunga le aspettative di vita anche fino ai diciotto mesi

Chirurgico: come per quanto riguarda il trattamento di tipo medico, anche qui il chirurgo, secondo le situazioni, e necessità del paziente, considerando la gravità del tumore, agirà o con finalità palliative, o curative. l’Intervento chirurgico sarà di tipo Palliativo, di Riduzione della massa tumorale e radicale.

1.Palliativo: di solito si interviene mediante pleurodesi, che consiste nell’adesione dei due foglietti pleurici, evitando che si riaccumuli al suo interno dell’altro liquido pleurico, dato che mediante l’adesione dei foglietti verrà ovviamente eliminato il fisiologico spazio pleurico che possediamo. Tale tecnica si effettua mediante ausilio di composti di natura chimica come tetracicline e talco.

2.Di riduzione: mediante pleurectomia insieme a chemioipertermia che consiste nell’effettuare un lavaggio della zona chirurgica, con fisiologica e Cisplatino a 42,5 gradi

3.Radicale: pneumectomia, ossia asportazione pleura, sia parietale che viscerale, emitorace ed emipericardio.

Concludo così il mio articolo sul mesotelioma, spero vi piaccia.

Buona notte cari lettori

(c) 2018-11 febbraio2018 Sonia La Rosa

Annunci

2 Comments »

  1. Molto interessante . Per motivi di studio e lavoro ho studiato la materia. Poi … le coincidenze … il mio compagno è morto di cancro al polmone … io ho il dubbio che sia durante la sua carriera stato anche a contatto con l’amianto. Anche se il suo cancro era rarissimo e lui è vissuto solo 8 mesi dalla diagnosi . Apprezzo chi, come te, mette il proprio dolore a serviZio degli altri.
    Con profonda stima
    Rita

    Liked by 1 persona

    • Mi dispiace tanto 😩 purtroppo sono tutte patologie orribili, speriamo che prima o poi la scienza riuscirà a fare qualcosa che possa aiutare davvero.
      Comunque grazie, mi fa piacere ti sia piaciuto l’articolo.
      Un bacio.
      Sonia

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: