Skip to content
Annunci

Differenza tra diabete insipido vero, e potomania

Vi siete mai chiesti se un individuo, magari di vostra conoscenza, che beve davvero molta moltissima acqua, sia affetto da una qualche disfunzione renale o ipotalamica, o sia soltanto una sete nervosa ?

Purtroppo noi che osserviamo dall’esterno non possiamo capire facilmente quale sia la riposta, a meno che non sottoponiamo la persona in questione ad un test di “assetamento ” e subito dopo ne studiamo, mediante dati di laboratorio, osmolaritá urinaria e plasmatica, ed i livelli di ADH (vasopressina)

Ma ciò ovviamente non è sempre possibile.

Limitiamoci quindi a rimanere nel dubbio ed a conoscere la differenza tra la reale patologia e quella di tipo psicogeno.

Il termine Diabete significa “passare attraverso” ed é utilizzato per descrivere due tipologie di malattie croniche, ossia il diabete mellito, che a sua volta si divide in quello di tipo 1 e quello di tipo 2, e quello insipido, che é quello che al momento interessa il nostro discorso.

Esso é caratterizzato da un’elevata produzione di urina, che può raggiungere anche un quantitativo di circa 10 litri al giorno.

Le cause possono essere molteplici:

  • Disfunzione ipotalamica, consiste in un alterato rilascio di ADH, ossia ormone antidiuretico detto anche vasopressina, il quale così come ci fa percepire il termine stesso, riduce la diuresi. Se ad esempio é una giornata calda , abbiamo bevuto poco ma sudato molto, la diuresi sarà ridotta, poiché avendo introdotto poca acqua ma allo stesso tempo eliminato liquidi tramite la sudorazione, il nostro ipotalamo agirà in modo da stimolare il rilascio di ADH, il quale agirà sui dotti collettori renali, in modo da “dir loro” di non eliminare ulteriore quantitativo idrico, ma al contrario ne favorirà il riassorbimento. In modo che via sia sempre un equilibrio tra osmolaritá(concentrazione) plasmatica ed urinaria. Quando tutto ciò però non funziona i dotti collettori non riceveranno mai indicazioni di riassorbimento, perciò il quantitativo di urina aumenterà a dismisura , a tale punto da avere urine molto diluite, con peso specifico molto basso, inferiore ai 1005 g/l e plasma al contrario molto concentrato (aumento osmolaritá plasmatica e riduzione di quella urinaria) Il paziente manifesterà dunque poliuria( urina fino a 10litri ) e polidipsia ( aumento senso di sete) e nicturia (necessità di urinare durante le ore notturne)Solitamente il paziente riesce comunque a vivere bene, introducendo molta acqua, perché se non fosse così si disidraterebbe a tal punto da poter svenire e collassare. La terapia che si attuá é quella di somministrare un similare della vasopressina, denominato Desmopressina.
  • Disfunzione renale, in questo caso i livelli di ADH saranno normali, ma avremo disfunzioni di assorbimento a livello dei dotti collettori.
  • Ulteriore causa può essere la presenza di neoplasie che vadano ad attaccare l’ipotalamo. Come ad esempio adenomi, craniofaringiomi, sarcoidosi ecc..
  • Alterazioni renali conseguenti ad assunzione di farmaci che ne alterano il riassorbimento, come la colchicina farmaco usato contro la gotta, la febbre mediterranea e pericarditi.

Per quanto invece riguarda la polidipsia psicogena detta anche potomania, essa non é data da alterazioni patologiche concrete, ma semplicemente da una sorta di “tick nervoso” che porta il paziente a sentire la necessità di introdurre un’elevato quantitativo di acqua, senza che ve ne sia un reale bisogno.

Anche esso ovviante manifesterà poliuria, ma in fondo é normale, se beviamo molta acqua é ovvio che sentiremmo la necessità di urinare frequentemente.

Tale paziente al contrario di quello patologico vero, avrà valori di ADH normali ed osmolaritá del plasma ed urina solitamente equilibrate.

Tale paziente a lungo andare potrà manifestare “intossicazione da acqua” la quale può condurre ad alterazioni nervose gravi, fino a scompenso cardiaco, a causa di uno squilibrio elettrolitico, coma e morte.

All’inizio ho detto che é difficile comprendere ad occhio se un paziente é affetto da diabete insipido o semplicemente da potomania, ma riflettendoci non sempre lo é. Perché un paziente che davvero presenta tale patologia,se non introduce liquidi per un periodo continuativo e prolungato, starà davvero male, al contrario di quello affetto da potomania.

Buona notte cari lettori

Sonia

©2018-31 gennaio 2018  Sonia La Rosa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: