Skip to content
Annunci

8 Capitolo: la gente pettegola

Era una mattina soleggiata e calda di agosto, erano passati sei giorni dalla morte della dolce Brigitte, ed ancora nulla era venuto a galla.

Enrico non ebbe modo di leggere altro dal diario della ragazza, perché non voleva farlo in presenza della moglie, per non turbarla. Perciò era come se tutto fosse rimasto bloccato a quel giorno, quel cinque agosto, giorno di festa e di amara tristezza.

Lady Mary quel giorno era di una bellezza raggiante, bellissima come non mai.

Capelli appena spazzolati, morbidi ed abito lungo color cipria.

Stava scendendo in cucina per far colazione. Aveva pensato di sfruttare la bella giornata per far un giro nei giardini del palazzo.

Scese in cucina e salutò lo chef Fabian

-buon giorno Duchessa, come sta ? Le ho preparato il suo piatto preferito, omelette e caffè caldo –

-sto bene, grazie caro Fabian, ovviamente la morte della mia cara Brigitte mi turba, non riesco ancora a capacitarmi di come possa essere accaduta una cosa simile, una tragedia così terribile.-

-su, si accomodi, e mangi la sua colazione prima che si fredda. Non ci pensi, sono sicuro che la verità sarà scoperta, ed il colpevole trovato e giustiziato. Così la dolce Brigitte avrà la sua vendetta-

Lady Mary gli sorrise fiduciosa, e si sedette al tavolo per mangiare la sua colazione.

Enrico dormiva ancora, o meglio più che dormire era immerso nei suoi pensieri, ripensava ancora al diario trovato qualche giorno prima. Era il suo unico pensiero, voleva a tutti i costi scoprire chi fosse l’artefice del delitto, sia per il bene della sua famiglia che per la moglie.

Mentre Lady Mary si apprestava a gustare la sua colazione, scesero in cucina anche le due domestiche Fleur e Charlotte.

Erano due signore di mezza età, potevano avere all’incirca cinquantacinque anni a testa. Lady Mary si era sempre domandata quale fosse la loro età esatta, ma non l’aveva mai domandata per educazione.

Erano due signore molto amiche tra loro, sempre insieme, qualsiasi cosa, bastava trovar una delle due per trovare l’altra.

Lady Mary aveva sempre avuto l’impressione che in realtà non fossero proprio delle grandi lavoratrici, ogni volta che le incontrava per il palazzo, stavano sempre a chiacchierare di qualcosa o spettegolare su qualcuno. Erano a conoscenza della vita di ognuno di loro, sapevano di tutto, su tutti.

Un giorno Charlotte le aveva raccontato che Fabian, il loro chef, si era invaghito di una ragazza appartenente alla nobiltà. Ella lo ricambiava, ma purtroppo a causa della differenza di casta, la famiglia di lei non aveva più permesso la loro frequentazione, e da quel momento in poi egli non si innamorò più di nessuno, e decise di dedicare la sua vita al lavoro, sarebbe stato il suo unico amore. Non voleva più nessun altro, non poteva immaginare nessun al suo fianco, all’infuori dell’amata che ormai era lontana da lui.

Secondo Fleur, invece, Fabian era un uomo burbero e misogino, che odiava qualsiasi donna al di fuori della ragazza che amava, perciò era questo il reale motivo per cui aveva deciso di passare il resto dei suoi giorni li a palazzo, senza intenzioni di intraprendere una qualsiasi relazione amorosa.

Ma Lady Mary sapeva bene che Fabian era un uomo dolce, non era burbero come lo descriveva Fleur. Ma ovviamente ogni individuo al mondo, anche il più buono e paziente, possiede un limite di sopportazione, oltre il quale cede e la pazienza termina. Fleur sapeva superare bene quel limite, insieme a Charlotte avevano la capacità di essere davvero insoppartibili a volte.

Fleur andó incontro a Lady Mary e la salutò dicendo

-Buon giorno Lady Mary, come sta? Sa, mi dispiace moltissimo per la sua cara domestica fidata, nonché amica, le volevamo bene tanto anche noi-

-già, anche se in un certo senso la ragazza era un po’ imprudente- disse Charlotte, con tono altezzoso

– cosa vorrebbe dire? – chiese Lady Mary infastidita

– non lo sa? – chiese Fleur sorpresa

-cosa avrei dovuto sapere?- domando la duchessa, con impazienza

– la sua cara Brigitte era una rivoluzionaria, aveva aderito molti anni fa al movimento delle sanculotte, e sosteneva gli ideali rivoluzionari tramandati dai seguaci di Robespierre- disse Charlotte con aria superba.

Lady Mary riflettè un secondo;

Nonostante avesse l’aria di non esserne a conoscenza rispose

-Certo che ne ero a conoscenza! Come vi permettete !pensate che IO assuma gente a corte senza prima conoscere la loro storia ed i loro ideali ? Brigitte era una perla di ragazza, non importa a quale fazione appartenesse, era la sua vita, e voi non potete permettervi di insinuare mal dicenze sul suo conto.

Adesso, con permesso, vorrei finire la mia colazione. Buona giornata-

detto questo, si girò verso il suo piatto, ed iniziò a sorseggiare il suo caffè caldo.

Le due donne la guardarono esterrefatte, non si aspettavano una reazione simile. Imbarazzate uscirono dalla Stanza per iniziare a svolgere le loro mansioni domestiche giornaliere.

Enrico, nel frattempo, si era appena cambiato d’abito, e stava dirigendosi nel suo studio per cercare dei libri di medicina che potessero dagli un qualche suggerimento sulla morte di Brigitte.

Magari era solo morte naturale ?

Ripensò al corpo della ragazza.

Era pallido la sera del triste avvenimento, aveva le mani vicino al collo, come quando si avverte una sensazione di soffocamento – shock anafilattico? – pensò Enrico.

Era molto magra, spesso diceva di sentirsi astenica e debole.

Ultimamente era anche spesso raffreddata, aveva occhi e mucose irritate. Ma dato che svolgeva molteplici mansioni domestiche a palazzo, poteva semplicemente essere una banale allergia alla polvere.

Il che quadrava, pensò Enrico, magari quel giorno aveva trascorso molto tempo in luoghi polverosi, ed una volta entrata in cantina, dopo aver preso delle bottiglie polverose di vino, si era scateno lo shock anafilattico, e dunque la morte era stata totalmente naturale.

– sarà stato così allora, probabilmente non esiste un vero colpevole, al di fuori della natura stessa.- pensò..ma non era totalmente certo di ciò che stava affermando, aveva ancora tanti dubbi e tante perplessità.

Poteva realmente esser deceduta per un po’ di polvere in più?

Continuò la ricerca nei suoi libri di medicina, cercando tutte le voci che riguardassero asma, polvere, shock, allergia.

Passarono le ore, ed Enrico rimase lì a leggere.

Lady Mary aveva terminato la sua colazione già da qualche ora, e si era apprestata a svolgere la passeggiata in giardino che aveva programmato.

Era davvero una gran bella giornata.

Il sole illuminava il verde intorno a lei, e rendeva i fiori ancora più belli e colorati, più di quanto non lo fossero già.

Mentre percorreva il viale, Lady Mary sentì arrivare una carrozza, si fermò proprio di fronte il cancello del loro palazzo.

Lei si avvicinò curiosa, per scrutare chi fossero gli uomini che stavano scendendo.

Li vide da lontano e riconobbe Nicolas. Egli era un caro amico di famiglia, era stato lui a regalarle il medaglione che lei aveva poi regalato a Brigitte.

Le aveva detto che esso era appartenuto alla sua famiglia dagenerazioni, ma in realtà non era così, le aveva mentito per renderla felice e farla sentire maggiormente voluta bene.

In realtà quel medaglione, secondo ciò che Nicolas le aveva detto, era appartenuto al fratello di Brigitte, il quale miglior amico di Nicolas, glielo aveva regalato. Quest’ultimo poco dopo la morte dell’amico, lo aveva donato a Lady Mary, lasciandole detto che lei a sua volta avrebbe dovuto donarlo a Brigitte, esattamente un’anno dopo, in ricordo del fratello.

Lei però mentì, e non le disse mai la vera provenienza di quel regalo.

– perché mai loro sono qui?- si chiese Lady Mary preoccupata.

Cosa volevano, e chi era l’altro uomo che stava insieme a Sir Nicolas?

L’avrebbe scoperto presto..

Continua…

©2018-31 gennaio 2018  Sonia La Rosa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: